Il Sindaco governa o mette i timbri sulla posta?

Il comune di Orvieto ha ricevuto una richiesta di autorizzazione ad un impianto di recupero rifiuti. Darà parere negativo al progetto ma non sa che fare e già si prepara a subirlo perché non ha una visione del futuro del territorio e non è in grado di avere voce in capitolo sul nuovo piano dei rifiuti. Questo non è un esempio di buon governo e di trasparenza. La denuncia degli Amici della Terra di Orvieto.

Il Mediterraneo non deve essere uno scarico fognario

A maggio scorso abbiamo denunciato lo sversamento dei liquami nelle acque del porto di Civitavecchia da parte della nave passeggeri di MSC Crociere ferma in porto per l’emergenza sanitaria da Covid 19. Il permesso è stato dato dalla Capitaneria di Porto che  si è avvalsa di un parere avventato del Ministero dell’Ambiente.

Anzi, con uno strano giro di pareri e raccomandazioni si è trovato il modo di trasformare una nota dei ministeri dell’ambiente e dei trasporti in una licenza a inquinare le acque costiere.

  • banner_astrolabio2_2020.png

Tweet

Amici della Terra

RT @UNEP: To reach the #ParisAgreement 1.5˚C target, we must reduce methane emissions in 3 sectors: 🛢️Fossil Fuels: 60% 🗑️Waste: 30-35% 🌾…

Amici della Terra

RT @ManishBapnaWRI: New Global Methane Assessment shows that drastic cuts in methane emissions are needed to reduce the rate of global warm…

Amici della Terra

RT @fbirol: Demand for critical minerals is set to soar as the world pursues net zero goals, our new @IEA report shows. The energy sector’…

Amici della Terra

RT @edilportale: Ecco le proposte per il #RecoveryPlan e gli obiettivi 2030-2050 dello European Green Deal, presentate dal Tavolo di Filier…

 
  • copertina libro small

La raccolta degli scritti più significativi dell’esperienza ambientalista di Mario Signorino consente di ripercorrere oltre 40 anni di storia degli Amici della Terra, una delle prime associazioni ecologiste italiane, protagonista di una stagione di battaglie e di conquiste epocali, dall’opposizione al nucleare al completamento del sistema di governo dell’ambiente in Italia. Il filo conduttore della storia è la lotta per l’affermazione di una politica riformista per l’ambiente capace di superare gli storici divari del Paese e di realizzare davvero uno sviluppo sostenibile responsabile verso il pianeta, i suoi abitanti e il suo futuro.

 

Info e vendita