• banner 2

Tweet

Chi osserva l’Osservatorio?

VERSO IL DEPOSITO NAZIONALE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

di Rosa Filippini

ISPRA, SOGIN, ministero per lo Sviluppo Economico e ministero dell’Ambiente, ovvero le principali istituzioni competenti sulla chiusura del ciclo nucleare, hanno abdicato ad una delle loro funzioni primarie, quella dell’informazione al pubblico e della consultazione dei portatori di interesse, in favore di un organismo privato di cui non controllano né la composizione né le procedure.


Quello del deposito nazionale di rifiuti radioattivi è un argomento importante, di cui gli Amici della Terra si sono occupati negli ultimi decenni sia come associazione  che come singole persone competenti per motivi istituzionali o professionali *. Non potevamo certo mancare alla “Presentazione dei criteri di esclusione per la localizzazione del parco tecnologico e del deposito nazionale dei rifiuti radioattivi” e alla relativa discussione,  il 21 ottobre scorso a Roma.  Abbiamo partecipato al nostro massimo livello di competenza scientifica in materia, attraverso gli interventi di Roberto Mezzanotte e di Leonello Serva, che  avevano già scritto sull’argomento per l’Astrolabio una critica puntuale e costruttiva alla Guida Tecnica dell’ISPRA.

Amici della Terra - Italia e Friends of the Earth International verso la rottura ?

Si è tenuto il 5 Luglio scorso il 13° Congresso Nazionale degli Amici della Terra - Italia che ha approvato i programmi dell'Associazione e ne ha rinnovato i vertici.
Tema principale del Congresso è stata la reazione alla proposta di espellerci dalla rete internazionale che il comitato esecutivo internazionale presenterà al Congresso Mondiale dei Friends of the Earth (3 - 6 ottobre in Sri Lanka).
Pubblichiamo di seguito il testo integrale della mozione approvata dal Congresso degli Amici della Terra - Italia che comprende anche un significativo preambolo scritto da Mario Signorino;  la nostra lettera inviata a tutti i gruppi FoE del mondo e la pagina del Corriere della Sera dedicata a questa vicenda. Pubblichiamo inoltre la lettera del Comitato esecutivo di FoE International con i "capi d'accusa" nei nostri confronti, fra cui quello di rifiutare il concetto stesso di "allineamento" che noi abbiamo preso (e gradito!) come un complimento.

Leggi il Preambolo e la Mozione  
Leggi la lettera ai gruppi FoE  
Leggi la lettera del Comitato esecutivo di FoE International 

Leggi l'articolo del Corriere delle Sera di Danilo Taino (3/9/2014)

- Ascolta Overshoot, rubrica di RadioRadicale, 11-09-2014.

Ascolta su Radio Radicale

ITALIA NOSTRA: Presentato anche alla Camera il documento sottoscritto da ALTURA, AMICI DELLA TERRA,LIPU, AIW-ASS.NE WILDERNESS ITALIA, MOVIMENTO AZZURRO e MOUNTAIN WILDERNESS e già sottoposto al Senato

Roma, 17 Settembre 2014

PARINI, Presidente Italia Nostra: “Per il futuro bisognerà evitare la grande speculazione e gli sprechi di denaro,a carico della bolletta di Famiglie e Imprese,  che i folli incentivi alle FER Elettriche intermittenti non programmabili hanno causato al nostro Paese attraverso un’attenta valutazione del costo\beneficio delle scelte di politica energetica.