Stop all'eolico "selvaggio" in Sicilia: sì alla nuova legge

on .

Amici della Terra: "Passo importante tutela patrimonio isola"

Palermo, 25 nov. (askanews) - Stop all'eolico selvaggio in Sicilia e allo sfruttamento indiscriminato in nome della produzione di energia: è notizia di questi giorni l'approvazione della legge regionale che imporrà nuovi paletti per la concessione degli impianti.

 Leggi anche "La Regione Sicilia mette i paletti agli impianti eolici" da L'Astrolabio

Eolico a Tuscania e Orvieto

on .


ROMA, 7 Maggio 2015
Monica Tommasi ha partecipato oggi alla conferenza stampa tenuta alla Camera dei Deputati nella duplice veste di delegata per il comitato contro l'eolico del monte Peglia e neopresidente degli Amici della Terra, per impedire la realizzazione degli impianti eolici intorno al duomo di Orvieto e alla chiesa di San Pietro in Tuscania, insieme a tredici associazioni ambientaliste, ai sindaci di Orvieto e Tuscania e a Francesco Scoppola della direzione Beni e Paesaggio del MIBACT.

Il Governo Cala le Tasse e Aumenta le Bollette?

on .

COMUNICATO STAMPA DI TREDICI ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE

Mentre l’Autorità per l’energia denuncia una spesa fuori controllo nel 2015 e 2016 per eolico e rinnovabili speculative, prevalgono le pressioni dei lobbysti e il MISE prepara un nuovo Decreto. Le associazioni ambientaliste: “Cosi non si combatte la CO2 ma si aggravano gli oneri per famiglie e imprese in tempo di crisi, con gravi danni a Paesaggio e Biodiversità”.

Tornano i Maxi Incentivi a Spese dei Consumatori e del Paesaggio

on .

di Rosa Filippini

Ministero dello Sviluppo schizofrenico: con un decreto “spalma” gli incentivi già attribuiti al fine di ridurre le bollette, con un altro vorrebbe distribuirne di nuovi rialzando le bollette oltre ogni limite già stabilito.


Ci risiamo: sembra che anche questo governo non riesca a resistere al fascino della lobby eolica e si appresti a dare ancora altri soldi agli impianti di rinnovabili elettriche  a spese delle nostre bollette e del paesaggio italiano. E’ il viceministro allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti, ad annunciare un provvedimento “tampone” per ridefinire il tetto di 5,8 miliardi di euro destinati dal decreto 6 luglio 2012 agli incentivi alle fonti rinnovabili elettriche diverse dal fotovoltaico.

Ancora incentivi alla megapale eoliche?

on .

Errare è umano, perseverare è diabolico

COMUNICATO STAMPA  - 29/05/2015

Lettera al Governo delle associazioni ambientaliste Italia Nostra, LIPU, Amici della Terra, Mountain Wilderness, Altura, Comitato per la Bellezza, Comitato Nazionale del Paesaggio, Movimento Azzurro, Associazione Italiana per la Wilderness Italia, Verdi Ambiente e Società (VAS), Asso Tuscania, Pro Natura, ENPA, contro il nuovo decreto. Perché destinare nuovi incentivi alle fonti rinnovabili elettriche (in particolare all'’eolico industriale) se abbiamo raggiunto gli obiettivi europei con 7 anni di anticipo?