• banner 2

Tweet

Spremila bene!

Per un succo di arancia più equo!

L'80% di tutto il succo d'arancia venduto in Europa è prodotto in Brasile. Il 66% del succo è venduto dai supermercati come marchio proprio. Mentre i rivenditori di tutta Europa fanno enormi profitti derivanti dalla vendita di succo d'arancia con il marchio proprio, la maggioranza dei lavoratori e dei contadini che raccolgono e trattano le arance e il succo vivono in povertà. La produzione del succo di arancia è anche distruttiva per l'ambiente, perché l'industria fa un uso eccessivo di pesticidi.

L'appuntamento è per oggi pomeriggio (27 Novembre)  a Orvieto! La campagna sulla filiera del succo d'arancia che stiamo portando avanti è importante, venite a informarvi e a firmare la petizione! I ragazzi del IL COLLETTIVO TEATRO ANIMAZIONE vi offriranno un loro spettacolo. E poi vi portate a casa i nostri gadget e le arance.

Ciò significa che il ruolo del rivenditore è vitale. Essi non solo agiscono come custodi per il mercato europeo del succo d'arancia, ma anche come aziende agro-alimentare di contrattazione per i propri marchi. È per questo che i supermercati si devono assumere la responsabilità per le condizioni di lavoro e gli impatti ambientali per tutta la catena di approvvigionamento.

Firmando questa petizione, chiediamo a tutte le principali catene di supermercati europei che vendono al dettaglio di migliorare le condizioni dei contadini e dei lavoratori, nonché l'impatto ambientale della produzione di succo d'arancia, in tutta la catena di approvvigionamento. E' responsabilità dei rivenditori di assicurarsi che le persone che producono il cibo venduto nei loro negozi e con i loro marchi, vivano e lavorino con dignità!

Per migliorare la situazione sociale nella filiera di approvvigionamento del succo d'arancia i supermercati devono:

  • implementare un’ analisi dei diritti umani effettivi per identificare, prevenire, mitigare e conto di violazioni dei diritti umani;
  • implementare procedure di monitoraggio credibili attraverso l'impegno diretto con i sindacati, i dipendenti locali e altri soggetti interessati. Queste organizzazioni devono essere equamente rappresentate a tutti i livelli decisionali, fino al più alto. Deve essere impostato un sistema di reclami funzionale e un sistema di verifica indipendente;
  • lavorare con i sindacati, i dipendenti locali e altre parti interessate per definire un salario minimo per i lavoratori agricoli nelle regioni interessate, in particolare nello Stato brasiliano di San Paolo;
  • assicurare che la libertà delle associazione sia rispettata in tutte le operazioni dei subappaltatori e in tutte le fasi della catena di approvvigionamento;
  • controllare che i lavoratori non vengano sfruttati e resi schiavi e che non vi siano discriminazioni;
  • divulgare l'elenco completo dei fornitori in Brasile.

Inoltre, i supermercati devono compiere sforzi proattivi e continui per ridurre l'impatto ambientale della produzione di succo d'arancia facendo:

  • misurazioni dell'impatto con metodi trasparenti e accettati a livello internazionale, ad esempio applicando la serie di Norme ISO 14040 o degli standard dello European Product and Organisational Envimental Footprint.
  • l'implementazione di sistemi di gestione ambientale riconosciuti, come il sistema di gestione europeo EMAS

Fermiamo ora lo sfruttamento dei lavoratori e la distruzione dell'ambiente lungo la filiera succo d'arancia!